QUOTIDIANO FONDATO NEL 1994

C’ERA UNA VOLTA UN RE, ANZI, C’ERA UNA VOLTA…



Sebastiano De Gennaro racconta la nascita della collana di dischi 19'40" realizzata con Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro

C’era una volta un Re, che disse alla sua serva, raccontami una favola, e la serva incominciò: c’era una volta un disco, intitolato 19’40”, per la precisione era il 2013 quando io ed Enrico Gabrielli pubblicammo  tale disco dedicato alla musica di John Cage da lui composta nell’anno 1940. Lo sapete chi era John Cage? Era un micologo? O forse un musicista? Beh, questa è un’altra favola e magari ve la racconto al prossimo concerto. Ma torniamo alla favola delle 19:40, si perché è proprio a quest’ora che dal primo dicembre 2016 cominceremo a pubblicare i dischi della nostra nuovissima collana discografica, che si chiama, per chiudere il cerchio, 19’40”!

Che ore sono? Che anno è? Qual è la favola? Qual è il Re? …se ho fatto solo confusione in questo preambolo colmo di numeri da qui in giù proverò a spiegarmi meglio. 
Intanto, vi ricordate di me? Sono Sebastiano de Gennaro, l’omino buffo con gli occhiali (citazione) che suona strumenti strani con il vostro Presidente. Ed è proprio perché mi occupo di musica, di suoni e di strumenti particolari, che Daniele (sempre attento e curioso) mi ha chiesto di raccontare a La Voce del Megafono che cosa sia esattamente 19’40”.
Diciannove e Quaranta è una collana di dischi su abbonamento pensata da me ed Enrico Gabrielli assieme al musicologo Francesco Fusaro, nata quest’anno per raccogliere, curare e diffondere il nostro lavoro sulla musica scritta. Minime, semiminime, crome, semicrome, semibiscrome, pause, chiavi ..corone; qualsiasi tipo di musica purché abbia un attinenza col segno sulla carta, con la notazione musicale e non solo, anche col fumetto, col disegno, con l’illustrazione. Ogni disco sarà curato graficamente da un diverso artista, e sarà accompagnato da un booklet contente un testo critico di Francesco Fusaro, per comprendere meglio cosa state ascoltando e che lavoro abbiamo fatto.
Dunque non è solo una favola ma una storia di musica, di idee, di dischi, di pacchetti, spedizioni e cassette postali: chi si abbona riceverà un disco ogni quattro mesi, 
il primo in arrivo (1 dicembre 2016) sarà una raccolta di trascrizioni di brani tratti dal repertorio di band strumentali italiane di area math-rock, noise, avant-garde, realizzate sapientemente da Enrico per il nostro ensemble di sei elementi (violino, pianoforte, oboe, clarinetto, basso tuba e percussioni). Parliamo quindi di trascrizione di musica ‘folklorica’ mai riportata prima su carta pentagrammata. La seconda uscita prevista per il 2 aprile 2017 sarà l’Histoire du Soldat di Igor’ Stravinskij, la Storia del Soldato, una meravigliosa opera da camera del 1918, anch’essa scritta con inchiostro su carta… una vera e propria favola russa, per l’occasione recitata in italiano da Stefano Panzeri ed illustrata con i disegni di Olimpia Zagnoli. E poi via via altri dischi per scoprire musica di cui forse in molti in questo momento non conoscono nemmeno l’esistenza.

19’40’’ è un progetto nato dalle ceneri di una considerevole quantità di materiale su cui abbiamo lavorato per lungo tempo ma che è stato disperso o mal speso. Nel panorama della discografia italiana non esiste (o non si è mai fatto trovare da noi) una realtà capace di lavorare in modo serio e continuativo su questo tipo di dischi, caratterizzati da un approccio colto ma antiaccademico al repertorio della musica scritta, dischi  che si muovono in un territorio di sperimentazione e di prassi esecutive seriamente ludiche (come ci piace ripetere spesso).
R
adunando tutto il materiale da noi già registrato e quello che abbiamo in progetto di realizzare, abbiamo immaginato 19’40’’ come una sorta di antologia suddivisa in puntate, in grado di raccogliere ed offrire tutta questa musica a chi sarà curioso di ascoltarla. 19’40’’ è la nostra personale enciclopedia musicale che vorremmo condividere con tutti.
Ci sarà da guardare, da leggere, da ascoltare e poi proseguire autonomamente nelle, speriamo abbondanti, scoperte. Avere degli abbonati ci permetterà di continuare su questa strada in autonomia, come fanno le radio libere e i giornali indipendenti. Dunque se siete interessati fate un giro sul nostro sito www.19m40s.com, scoprite i prossimi dischi in arrivo e scegliete l’abbonamento che più vi piace: da lì in poi cominceremo a raccontarvi una favola che non conoscevate ancora!

Sebastiano De Gennaro con Francesco Fusaro ed Enrico Gabrielli